Write For Us

Mina - Era de maggio

Loading...
Google Rank
183 Views
Published
2 note : Era de maggio di Salvatore Di Giacomo e Mario Costa
Il testo di Era de maggio fa parte di Canzone, una raccolta di 33 poesie per canzoni, di cui alcune di alto livello (vedi Marechiaro, Lariulà, A testa Aruta) ed altre scritte solo per la musica, belle ma senza lintensità poetica del Di Giacomo di Pianefforte e notte.
La canzone di Salvatore Di Giacomo e del tarantino Mario Costa (1885) ha avuto tra gli altri interpreti Tito Schipa, Luciano Tajoli, Massimo Ranieri, Mirna Doris, Renzo Albore e l'Orchestra Italiana , Teresa De Sio e Franco Battiato

dal CD "Napoli Secondo Estratto" PDU/GSU-Sony Music (513671 2/P-15/11/2003).

Archi arrangiati e diretti da Gianni Ferrio
Primo violino Anthony Flint
Corno Georges Alvarez
Flauto Bruno Grossi
Pianoforte organo e fender Danilo Rea
Batteria e percussioni Alfredo Golino
Basso e contrabbasso Massimo Moriconi
Chitarra acustica ed elettrica Andrea Braido
Clarinetto Gabriele Mirabassi

Testo :
Era de maggio e te cadéano 'nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse...
Fresca era ll'aria...e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe...
Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce...
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce...
E diceva: "Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse, io conto ll'ore...
chisà quanno turnarraje!"
Rispunnev'io: "Turnarraggio
quanno tornano li rrose...
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá...
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá."

E só' turnato e mo, comm'a na vota,
cantammo 'nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma 'ammore vero no, nun vota vico...
De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje,
si t'allicuorde, 'nnanz'a la funtana:
Ll'acqua, llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d'ammore nun se sana...

Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioja mia,
'mmiez'a st'aria 'mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: "Core, core!
core mio, turnato io só...
Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuó!
Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuó "

Traduzione:
Era maggio e ti cadevano in grembo
a ciocche a ciocche le ciliegie rosse,
fresca era laria e tutto il giardino
profumava di rose a cento passi.

Era maggio; io, no, non lo dimentico,
una canzone cantavamo a due voci;
più passa il tempo e più me ne ricordo,
fresca era laria e la canzone dolce.

E diceva: Cuore, cuore!
cuore mio, lontano vai;
tu mi lasci e io conto le ore,
chissà quando tornerai!

Rispondevo io: Tornerò
Quando tornano le rose,
se questo fiore fiorisce a maggio
anche io a maggio sono qua.

E sono tornato, e ora, come una volta,
cantiamo insieme il motivo antico;
passa il tempo e il mondo cambia,
ma lamore vero, no, non cambia strada.

Di te, bellezza mia, mi innamorai,
se ti ricordi, davanti ad una fontana:
dove lacqua non si asciuga mai,
e ferita damore non si cura (e lamore non passa).

Non passa, perché se passato
fosse, gioia mia, in mezzo a questaria profumata
a guardarti io non starei!

E ti dico: : Cuore, cuore!
cuore mio, tornato io sono,
torna maggio e torna lamore,
fa di me quello che vuoi!
Category
POP
Sign in or sign up to post comments.
Be the first to comment